L’inaugurazione dell’area archeologica sotto il Mc Donald’s di Frattocchie

Si è svolta nella mattinata di Martedì 21 Febbraio 2017 la cerimonia d’ inaugurazione ufficiale del ristorante Mc Donald’s a Frattocchie (fraz. del Comune di Marino – RM) e del tratto di strada romana sottostante, sebbene il ristorante sia aperto già dal 16 Dicembre scorso. Durante la presentazione del progetto di valorizzazione dell’area archeologica sono intervenuti il sindaco del Comune di Marino Carlo Colizza, il consigliere della Regione Lazio Simone Lupi, il Soprintendente Alfonsina Russo della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale, e l’amministratore delegato di Mc Donald’s Italia, Mario Federico.

 Il primo a prendere la parola è stato il sindaco del  Comune di Marino Carlo Colizza, il  quale ha dichiarato: “Abbiamo la fortuna di avere questo che è un classico esempio di positiva commistione tra pubblico e privato con una valorizzazione di un bene del nostro territorio  ed è una positiva notizia quando l’attività produttiva riesce a sposarsi con il rispetto della Storia e dell’Archeologia. E’ un vanto avere sul nostro territorio questo esempio di unione, valorizzazione e rispetto, e in questo noto la grande sensibilità e capacità per aver saputo coniugare l’attività imprenditoriale con la ricerca e rispetto dei luoghi, che alla fine diventa anche un miglioramento stesso del brand e del rapporto con la clientela. Auguro a questa comunità di essere un esempio sul territorio che spesso e volentieri ha visto nascondere determinate cose e invece sarebbe il caso di cercare una valorizzazione continua, questo che sia un esempio da ripetere per un qualcosa da ricordare e valorizzare”.

Subito dopo interviene  il Soprintendente Alfonsina Russo: “E’ stata una grande sorpresa nel 2014 ritrovare questa strada mentre si avviavano i lavori pe la costruzione di questo luogo, subito di intesa con Mc Donald’s Italia si è deciso di valorizzare e tutelare questo luogo importante che altrimenti sarebbe caduto nuovamente nell’oblio. Qui siamo in un luogo importantissimo a poca distanza dalla via Appia, la strada che vedete sotto i vostri piedi è appunto un diverticolo che partiva dalla Via Appia o verso una grande villa o verso un grande possedimento di qualche notabile romano costruito tra il II e I secolo a.C. e perfettamente conservati. Gli archeologi Andrea de Angelis e Pamela Cerino  per due anni hanno lavorato allo scavo, l’interro della strada è stato scavato con grande perizia e sii è potuto riscostruire la sua storia, una storia importante in quanto questi luoghi sono stati attraversati dai grandi dell’antichità e  Imperatori. Conosciamo qui a Marino il circo di Bovillae costruito da Tiberio, ma qui sono passati anche Orazio, è passato San Paolo. Questa  importanza, e questa storia millenaria si legge proprio sotto i nostri piedi. Grazie a Mc Donald’s Italia siamo riusciti ad organizzare questo sito con un percorso sia per adulti che per bambini, qui  giovani e famiglie si  possono avvicinare al nostro patrimonio e riscoprire la storia millenaria di questo sito, Marino l’antica Castrimoenium e Bovillae e quindi riuscire a leggere la storia attraverso questo luogo. Devo ringraziare il Comune e tutti gli abitanti di questo luogo per la collaborazione che c’è stata nel corso di questi due anni, è stato un lavoro intenso, ma efficace, l’obiettivo è stato raggiunto grazie alla sinergia tra Soprintendenza, Ministero, Mc Donald’s Italia, cittadinanza e Comune di Marino, altrimenti avremo lasciato questo luogo nell’oblio”.

Segue poi la dichiarazione del Consigliere Regionale del Lazio Simoni Lupi: “Credo ci sia poco da aggiungere alle parole del sindaco e del Soprintendente  che ci ha ricordato su quale territorio siamo e il valore che rappresenta, vi porto i saluti del Presidente Zingaretti impegnato in un’iniziativa della Regione, fa piacere oggi essere qui insieme a Mc Donald’s Italia e agli enti che hanno lavorato su questo progetto,   possiamo essere ben contenti e felici di festeggiare e onorare   la collaborazione tra enti e soprattutto tra pubblico e privato che non sempre porta a cose negative. Bensì come in questo caso uno sviluppo di un progetto importante e soprattutto ci dà modo di rendere visibile e valorizzare lo splendido territorio dei Castelli Romani; siamo in un territorio alle porte dei Castelli nel territorio di Marino, naturalmente questa come altre iniziative posso essere portate avanti all’insegna della valorizzazione del nostro territorio e della promozione dei Castelli Romani”.

Chiude l’ordine degli interventi l’amministratore delegato di Mc Donald’s Italia Mario Federico: “Mi ero preparato un discorso ma effettivamente è  stato detto tutto quanto , quindi quale migliore occasione di dirvi come e quanto siamo noi orgogliosi di essere qui nella zona della Via Appia a Marino. I lavori sono cominciati nel 2014, in un mese e mezzo si trovano i reperti  quindi cosa fare? Molto semplice, siamo integrati nelle comunità, nelle provincie, nelle regioni e a livello nazionale, rispettiamo le regole,  cosa di più semplice che lavorare con il Comune, con la Soprintendenza e trovare le soluzioni insieme; ne siamo orgogliosi, amiamo l’Italia, abbiamo creato insieme questo progetto, questo progetto di dare un tratto di via romana a Marino, ma anche all’Italia. Questo progetto, se mi posso permettere, in questo ristorante rappresenta l’espressione di modernità di quello che è il nostro marchio in Italia ma anche all’estero. In Italia oggi offriamo questo tipo di ristorante e di esperienza e lo diciamo su un tratto di strada romana dove si rivive la storia italiana tutti i giorni,  la storia di un grande paese, la storia di una grande nazione, la storia di Mc Donald’s.  Siamo molto contenti di essere in Italia con ventimila posti di lavoro, l’Italia ci piace e vogliamo continuare questa nostra esperienza e continuiamo ad aprire ristoranti in Italia e collaborare con gli enti locali rispettando le regole e le leggi in Italia”.

Dopo gli interventi, si passa alle domande di giornalisti e pubblico che sostanzialmente vertono su due punti: se ci sono altre situazioni simili In Italia con valorizzazione di beni culturali e sull’accessibilità dell’area archeologica.  Alle domande risponderanno l’amministratore delegato di Mc Donald’s Italia Mario Federico e il soprintendente Alfonsina Russo evidenziando che non esistono in Italia esempi simili, e che questo ristorante costituisce un unicum, che associa l’attività di ristorazione  alla fruizione di un’area archeologica, infine  viene precisato che l’acceso all’area archeologica rimane indipendente dal  ristorante e quindi non è necessario consumare o entrare per fruire dell’area archeologica il cui ingresso è esterno.  Il Soprintendente ricorda che le fasce orarie di apertura sono allineate a quelle dei musei italiani, gli orari di accesso sono dal 1 maggio al 30 settembre, ore 09:30 – 19:30, dal 1 ottobre al 30 aprile, ore 09.30 – 18:00.

Terminati gli interventi e le risposte ai giornalisti le autorità e il pubblico si sono trasferite nell’area archeologica sottostante per la visita guidata introdotta dal Soprintendente e condotta dagli archeologi che hanno eseguito lo scavo e il progetto di valorizzazione dell’area,  la dott.ssa Pamela Cerino e  il dott. Andrea De Angelis. Il Pubblico interessato e incuriosito ha rivolto molte domande agli archeologi che hanno evidenziato tutti gli aspetti dello scavo e i risultati dello studio della stratigrafia archeologica. La mattinata si è chiusa poi con un ricco buffet offerto ai partecipanti da parte del ristorante.

di Marco Cavacchioli, 21 Febbraio 2017

Per conoscere l’area archeologica vedi:

http://abm-blog.it/il-nuovo-mc-donalds-a-marino-il-progetto-di-valorizzazione-della-strada-romana

Per l’invito della Soprintendenza vedi:

http://sabap-rm-met.beniculturali.it/it/238/news/1394/inaugurazione-area-archeologica-rinvenuta-durante-i-lavori-effettuati-per-la-realizzazione-del-ristorante-mc-donald-s-di-marino-rm-_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *