Dove si trova il castello di Palaverta?

Scegliamo un giorno qualsiasi, percorriamo la Via Nettunense e svoltiamo per Via del Divino Amore (la strada passata alle recenti cronache per la forte protesta dei cittadini nei confronti del traffico ininterrotto dei Tir), appena dopo 500 metri, a destra, imbocchiamo una piccola stradina residenziale, percorriamo altri 100 metri e ci troveremo di fronte a ciò che resta di una delle murature principali del Castello di Palaverta, oggi la facciata di un’abitazione privata.

Tale imponente muro, costituito da bozzette di peperino, con inserti marmorei e laterizi di epoca romana reimpiegati, è databile al XIV secolo, ed è ciò che resta di un grande complesso difensivo, il cosiddetto Castello di Palaverta che occupava l’area tra l’attuale via Nettunense, via del Divino amore e via J. F. Kennedy, del quale, fino a 50-60 anni fa rimanevano in piedi almeno tre grandi settori murari.

Poche sono le notizie al momento disponibili, riguardo la parte più antica del castello, una prima testimonianza la ritroviamo in un documento del 26 Ottobre 1509, con cui Fabrizio Colonna vendette a prospero Colonna di Genazzano, duca di Traetto, per 3000 ducati napoletani il “tenimentum castri diruti Castellucie e il casale Pauli Averte”. Questo documento riporta importanti notizie, la prima che il castello di Castelluccia è comunque limitrofo al castello di Palaverta, la seconda riguarda l’origine del toponimo Palaverta (dal nome di persona Paolo Averta), la terza riguarda la dicitura “Casale” e ci fa intendere che il castello perse nel corso degli anni la sua funzione originaria per assumere poi  la funzione di semplice casale, come è avvenuto per tante altre realtà difensive nei dintorni di Marino.

Il Casale di Palaverta, successivamente, dovette passare alla Badia di Grottaferrata poiché nel 1567, il cardinale Farnese Commendatario di questa, lo affittò a un tale Fabrizio Magnante.

Imponenti resti del castello, costituiti da tre grandi complessi murari, erano ancora visibili fino ai primi decenni del ‘900, solo nella seconda parte del ‘900 fino ad oggi (sono degli ultimi 10 anni le ultime costruzioni apparse sull’area del castello di Palaverta) i resti del castello verranno pian piano sistematicamente distrutti. Ne rimarrà una sola parte, che ridotta a cascinale  nei primi del ‘900 diverrà una moderna abitazione privata.

Magnifiche testimonianze della strutture e topografia dei resti del castello di Palaverta le ritroviamo nelle piante antiche e nelle fotografie dei primi decenni del ‘900, che ci mostrano l’apparato difensivo posto su una leggera altura, con grandi porzioni di tre edifici che chiudevano un’area fortificata per un totale di quasi 7.000 metri quadrati.

Marco Cavacchioli, 16 Luglio 2017

2 pensieri riguardo “Dove si trova il castello di Palaverta?

  • 20 luglio 2017 in 12:10
    Permalink

    È stato bello rivivere questi splendori mediante tua descrizione. C’è ne fossero, grazie personale.

    Risposta
    • 20 luglio 2017 in 13:35
      Permalink

      Grazie, il territorio riserva molte sorprese più o meno note. Piano piano darò risalto anche ad altre situazioni molto interessanti.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *