NATIVITÀ DELLA BEATA MARIA VERGINE (SANTA MARIA DELLE MOLE) la festività e la chiesa

LA FESTIVITA’

Ogni abitante di S.Maria delle Mole, la frazione più popolosa del Comune di Marino, sa che l’appuntamento fisso per la festa patronale è per il secondo fine settimana di Settembre. Ma forse pochi sanno che la celebrazione effettiva della Natività della Beata Vergine Maria, nel calendario delle celebrazioni cattoliche è una festività fissata per l’8 Settembre.

La scelta dell’8 Settembre, passata a festeggiare la Natività di Maria è una convenzione, in quanto tale data in realtà si riferiva alla celebrazione della dedicazione alla Beata Vergine di quella che era la Basilica di Sant’Anna a Gerusalemme (del IV secolo d.C.  edificata su strutture termali e un tempio pagano, ormai in disuso, fatto erigere dall’imperatore Adriano) posizionata sul luogo, dove secondo la tradizione, risiedevano i genitori di Maria, Anna e Gioacchino, e dove avvenne il concepimento.

La festività della Natività della Beata Vergine Maria nasce quindi in Oriente e fu Papa Sergio I (687-701), di origine siriana, a introdurla nella chiesa d’Occidente alla fine del VII secolo. La devozione verso la Natività di Maria si sviluppò in modo particolare nella diocesi ambrosiana, come testimonia il Duomo di Milano dedicato a Santa Maria Nascente.

L’unica fonte riguardo la nascita di Maria è il Protovangelo di Giacomo (“proto” in quanto tratta eventi accaduti prima di quelli narrati dai quattro vangeli canonici); l’opera fa parte della serie dei cosiddetti Vangeli Apocrifi (quelli che la Chiesa cattolica esclude dal canone delle Sacre Scritture, in quanto non ne riconosce l’ispirazione divina) ed è dedicata alla nascita e all’infanzia della Vergine e del Salvatore, l’autore si presenta come l’apostolo Giacomo; l’opera risale alla seconda metà del II secolo (scarica il Protovangelo di Giacomo.PDF)

LA CHIESA

 Intorno agli anni ’50 Santa Maria delle Mole, non è più un gruppo di casupole, ma una comunità con un numero di abitanti consistente, tanto da porre in atto il progetto di una chiesa più grande per i fedeli. Proprio il 27 luglio 1956, il Vescovo di Albano pubblica il Decreto Canonico con cui si erige a personalità giuridica la Nuova Parrocchia in S. Maria delle Mole consacrandola alla Natività della Beata Vergine Maria. Nei primissimi anni del ’60 la chiesa è terminata, come mostra una foto con una celebrazione nel 1963 (vedi in basso).

Travi di sostegno della copertura verso il cupolino

L’edificio della chiesa è uno fra i primi costruito secondo i canoni dell’edilizia contemporanea, la forma dell’aula principale è costituita da un poligono svolto su otto lati. La scansione interna è definita da un telaio strutturale in cemento armato, costituito da piloni a vista su cui poggiano travi di sostegno della copertura che convergono verso il centro del soffitto su cui si apre un cupolino (per far entrare la luce) su cordolo ettagono. La centralità dell’aula è rafforzata dalla preminenza del telaio strutturale portante, dalla camera di luce del cupolino in alto, e dalla grande parete di fondo dove è collocato il grande dipinto con il soggetto della Natività di Maria.

All’esterno il volume è articolato attraverso una tessitura di pannelli in laterizio compresi tra il telaio della struttura, l’attuale volume sporgente del portale d’ingresso con tettoia, è stato collocato successivamente (nel 1979), su progetto degli architetti Filippucci e Rossi (la differenza del prima-dopo è ben evidenziata dalle foto dell’ingresso ante 1979). Accanto all’edificio, leggermente staccato, è il volume a sezione poligona del campanile con superfici murarie in laterizio, che termina con la cella campanaria, costituita da una gabbia in cemento armato.

La parte di fondo, dietro l’altare, ospita per tutta la sua ampiezza, una tela di Goffredo Razzicchia (del 1969) che rappresenta nei tre riquadri della fascia bassa i genitori di Maria, Gioacchino e Anna, la sua nascita e la presentazione al Tempio di Maria; in alto la Madre della Chiesa accolta nella gloria celeste che schiaccia la testa del serpente, la SS. Trinità è rappresentata nella parte culminante.

Marco Cavacchioli, 10.09.2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *